sabato, 31 Luglio , 2021
25 C
Italy
Home Cultura Il 25 Aprile e il rispetto della storia.

Il 25 Aprile e il rispetto della storia.

L’argomento può essere politicamente scottante, ma dal punto di vista di un progetto che si chiama Love and Culture le opinioni politiche sono, purché non estremiste, tutte degne dello stesso rispetto.

Non lo è però la mistificazione della storia, la storiografia “del vincitore“, che se pure può essere considerata un male inevitabile nell’immediato periodo che segue la vittoria, è un vulnus alla cultura, alla storia e ai popoli quando si protrae per decenni.

Non è accettabile che esistano storici di parte. Non sono storici allora ma opinionisti, giornalisti o curiosi di storia per i quali invece è legittimo schierarsi. Storico di parte è un ossimoro. Se pure ciascuno nello studiare e nello scrivere di storia avrà un proprio taglio e delle opinioni personali, questo non giustifica la volontaria censura di fatti acclarati, la faziosità nel riportare gli avvenimenti, lo schierarsi marcatamente.

Non è degno di uomini di cultura o che tali vogliono essere. Così come non è accettabile nel consesso degli esseri umani pensanti difendere, 75 anni dopo, quella che fu una dittatura. Ma questi ultimi grazie al cielo sono pochi e spesso di intellettuale non hanno nulla.

Da ambo i lati di quella battaglia vi furono uomini d’onore convinti di combattere per la loro patria e per una idea che ritenevano giusta, e a questi, di entrambi gli schieramenti va rispetto e cordoglio per i loro sacrifici o la loro morte.

Una Italia unita e democratica, pensiamo, dovrebbe indagare i fatti storici serenamente, distinguendo i casi, sollevando dubbi, stimolando approfondimenti.

Ad oggi nella narrazione comune mancano troppi elementi perché si possa accettare serenamente la vulgata.

Non si parla mai di esercito degli Alleati, o se viene fatto si accenna solo agli americani, ma non fu così.

Non tutti i partigiani avevano le stesse idee: alcuni combattevano per la democrazia, alcuni per la monarchia, altri, la maggioranza, per il comunismo di stampo sovietico.

Furono pochi, basta guardare atti e fatti del periodo, i partigiani prima del ’44, pochi di più nel ’45. Tutti dopo il 25 aprile o il passaggio nel loro territorio dell’esercito Alleato.

Alcuni di loro si comportarono da eroi, così come lo fecero alcuni dei loro avversari.

Vi sono esempi di grandi gesti di umanità da ambo le parti. E così vi sono tragedie, vendette personali, crudeltà da ambo le parti.

Fino a che la storia verrà mistificata e la storiografia censurata, questo giorno sarà assurdamente ancora divisivo per gli italiani. Cosa che a 75 anni dagli avvenimenti è per noi un atto di lucida follia.

Viene spontaneo chiedersi perché non sia ancora stato possibile studiare, approfondire e diffondere la storia di quegli anni in modo sereno, aperto, professionale e sincero.

E viene da chiedersi a chi questo possa portare giovamento. A costoro va chiesto conto di questa ferita inferta alla storia e al popolo italiano.

Ed esclusivamente nella tutela della cultura e dell’amore per la ricerca della verità.

Website | + posts

Amore e Cultura sono “la risposta”, oltre a 42 ovviamente.
Se ci credi anche tu, se cerchi, se sei curioso, se come l’orizzonte i tuoi obiettivi fanno un passo avanti ogni volta che ne fai uno tu, resta con noi.
Seguici, condividi, contribuisci.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

più popolari

19 aprile 1999. Berlino capitale della Germania al Reichstag. Amnesie selettive e applicazione delle regole.

Dopo quasi dieci anni esatti dalla caduta del Muro di Berlino, il 9 novembre 1989, si conclude formalmente, il 19 aprile del...

V maggio 1821, Alessandro Manzoni. Una lettura e lezione audio da ascoltare.

Ei fu. Siccome immobile,dato il mortal sospiro,stette la spoglia immemoreorba di tanto spiro,così percossa, attonitala terra al nunzio sta,muta pensando all’ultimaora dell’uom...

Il 25 Aprile e il rispetto della storia.

L'argomento può essere politicamente scottante, ma dal punto di vista di un progetto che si chiama Love and Culture le opinioni politiche...

I sogni (europei) spariscono all’alba

Quando percorrevo a piedi la strada per andare a scuola ,allora si poteva, passavo di fianco ad un edificio bombardato che recava...

ISCRIVITI


    Non Accetto

    Commenti recenti